Privacy Cookie Policy

Cos'è la C.V.C.I.

La Chiesa Vetero-Cattolica Italiana è un Istituto Civile Religioso di tradizione cattolica, disciplinarmente autonomo, ispirato alla Chiesa Antica, che opera come Missione Cristiana Cattolica Italiana, tutelata dalle Autorità statali in conformità del dettato costituzionale. 
La C.V.C.I. professa integralmente la Dottrina cattolica riconosciuta come ortodossa da tutte le Chiese occidentali e orientali. Tramanda il Sacerdozio cattolico di rito antico nella sua pienezza; abilita i propri ministri, consacrati ed ordinati, al Servizio Cultuale e Sacramentale e li prepara, con l’opera formativa della L.U.A.T.E. (Libera Università di Analitica e Terapeutica Egologica), per praticare e divulgare la Cura d’Anime Scientifica o Terapia Teologale Sperimentale. 
I missionari della C.V.C.I. costituiscono, in Italia, l’unica Comunità Laica che esercita pienamente e liberamente, per mezzo del Ministero Ordinato, il Sacerdozio Universale nella forma della Chiesa originaria. 
Il Sacerdozio Cattolico dei Laici, in forma integrale, fu ripristinato a Napoli nel 1808 con la Comunità Cattolica di Rito Antico dal vescovo mons. Domenico Forges Davanzati. Fu perpetuato dai Protocattolici, o Cattolici di Rito Antico, a Napoli nel 1862, con la Chiesa Cattolica Nazionale sorta dalla trasformazione della Società Emancipatrice Protocattolica. Nel 1912 il Movimento Pancristiano, o di Unione dei Cristiani, concepito nell’ambito vetero-cattolico, fu maggiormente divulgato dal rev. dott. Ugo Janni. Nel dicembre del 1966, la C.V.C.I., legittima erede della Chiesa Nazionale Italiana, si riorganizzò nella forma ecclesiale pubblica. 
I Ministri Cristiano Cattolici Ordinati mantengono lo status civile-laicale, sono liberi di scegliere tra il celibato e l’uxorato (prassi seguita anche dai sacerdoti cattolici romani dei riti orientali), non sono sottoposti alla Curia Romana e tantomeno alle autorità clericali locali. 
Il Ministero Vetero-cattolico, detto Crist-cattolico o Pancristiano, tramanda la Successione Apostolica pari a quella del clero e partecipa, quindi, Sacramenti validi ed efficaci a tutti coloro che ne fanno richiesta liberamente, spontaneamente e coscientemente. Il Ministero maschile è integrato e coadiuvato dal Ministero femminile al quale si accede con la Consacrazione Mariale, che non è da confondersi con l’ordinazione femminile.
La C.V.C.I. conserva parallelamente agli altri Riti di tradizione cattolica i sette Sacramenti che sono partecipati secondo la liturgia volgare reintrodotta nella forma pubblica nell’800.
Il Servizio Sacramentale, procedendo in toto nello Spirito Pancristiano, è esercitato per tutti i battezzati che non ritengono di appartenere ad alcuna Chiesa o Confessione particolare e per coloro che, pur appartenendo ad altre Comunità confessionali, sono spinti da una necessità o sono consigliati da una vera utilità spirituale. Inoltre è rivolto a tutti quelli che non intendono sottostare alle disposizioni ed imposizioni di leggi ecclesiastiche e a coloro che sono in conflitto con le politiche clerico-curiali.
I missionari crist-cattolici ritengono che a nessuno può essere negato il diritto di ricevere la Grazia divina come farmaco per la Salute fisica, mentale e metafisica dell’anima.
La Misericordia di Cristo è concessa ad ogni uomo. Nessuno può sondare intimamente e totalmente la coscienza umana: ogni giudizio in merito potrebbe essere errato.
La C.V.C.I. è fedele all’Indivisa e Indivisibile Chiesa di Cristo “Una, Santa, Cattolica ed Apostolica”. Essa pratica l’antico principio sostenuto dalla Cattolicità: “Unità nelle cose fondamentali; Libertà in quelle dubbie; Carità in tutto”. Per favorire un autentico Ecumenismo propaga l’Ideale Pancristiano.
L’Opera Missionaria Specialistica della C.V.C.I. si occupa della Cura d’Anime Scientifica che è condotta con Arte Pastoralterapeutica socio-educativa, psicologica e sanitaria per rafforzare o recuperare la buona salute comportamentale, morale, etica, fisica, mentale e spirituale.
La C.V.C.I. non è assolutamente in concorrenza con il clero, non ha scopi di proselitismo e respinge, per i suoi Ministri, ogni privilegio di derivazione clericale.


torna su